×
Seleziona il tuo paese
Andorra Benelux Colombia Costa Rica Danmark Deutschland Eesti Spain France Hrvatska Israel Italia Nederland Österreich Panama Portugal Puerto Rico Schweiz Slovenia Slovensko Sverige Dubai Venezuela Internazionale

La storia

Journal

AMBASSADORS

Notizia

PEDALMA, 700 KM. MADRID - BARCELONA

PEDALMA, 700 KM
MADRID - BARCELONA


Sònia Colomo ci racconta la sua avventura
6/21      PEDALMA       SÒNIA COLOMO
PEDALMA

PEDALMA Madrid-Barcelonaè un evento di ultraciclismo senza assistenza che percorre 700km e 7000 metri di dislivello positivo da Madrid a Barcellona. L'avventura iniziava venerdì alle 6 del pomeriggio, e aveva 50 ore davanti per arrivare entro il tempo stabilito.

Questa è stata la prima volta che ho fatto una prova di questo stile, con bici da strada e accompagnato da un'altra persona, una bella esperienza.
Per questa avventura non potevo che non scegliere un'altra bicicletta che non fosse la Megamo Raise, una bici comoda, con la quale è possibile pedalare diverse ore senza alcuna eccentricità geometrica e con un quadro assorbente ideale per tutti i tipi di strade. Perfetta anche per trasportare tutti i bagagli necessari per il fine settimana.
SIAMO SOLO ALL’INIZIO E LA PIOGGIA CI RAGGIUNGE

Le previsioni promettevano vento, molto vento, e anche se era qualcosa di cui eravamo a conoscenza, nessuno si aspettava che il tempo potesse cambiare così tanto. Fulmini in lontananza, una leggera pioggia iniziale e, di colpo, tempesta.

Avevamo percorso meno di 3h di pedalata e già eravamo zuppi dalla testa ai piedi. Siamo arrivati al CP1 a Cifuentes di notte. Il piano iniziale era di seguire il CP2 e bivaccare lì, ma le condizioni di freddo e pioggia che avrebbero seguito per almeno altre 3 ore ci hanno spinto a dormire sotto i portici della piazza principale fino al momento in cui la pioggia si è calmata. Sapevamo che il tratto fino al CP2 era a 1300 metri di altitudine e con il rischio d’ipotermia non si può scherzare.

Verso le 3 del mattino la pioggia cede, raccogliamo i sacchi a pelo, ci rimettiamo i vestiti bagnati e torniamo a montare in sella. Ho sonno, ho i piedi ghiacciati e la salita mi fa malissimo. Il giorno comincia a schiarirsi, si vede il sole tra le nuvole e arriviamo alla Valle di Mesa.

Le pareti si alzano intorno a noi, il sole comincia a ridarci un po' di temperatura e arriviamo al CP2 a Nuévalos per la colazione di prima mattina. Caffè, pane con burro e marmellata e un paio di tortillas da portar via.



 



ARRIVA IL VENTO E UN CALDO ASFISSIANTE


Recuperiamo l'energia persa durante la notte e cominciamo a pedalare verso Belchite, dove si trova il CP3. Il vento continua a soffiare forte e la temperatura comincia a salire. Dopo 365 km siamo arrivati a Belchite per mangiare, idratarci e prepararci a quella che sarà una delle parti più difficili del percorso.

Il termometro segna 37º, i mulini girano senza sosta e le strade diventano letteralmente infinite. L'acqua dei bidoni brucia e il calore della zona di Mequinenza ci asciuga dentro e fuori. Saliamo, scendiamo, torniamo su, sembra che non arriveremo mai e non abbiamo più niente da bere. Il sole comincia a calare e ci resta solo una discesa di 3 km per raggiungere il CP4. Siamo arrivati poco prima della chiusura, giusto in tempo per ordinare acqua, succo, pizza e gelato. Dopo cena, ci siamo mossi un po' per trovare un posto dove alloggiare e abbiamo trovato un piccolo monastero dove abbiamo dormito 3 ore prima di affrontare quella che sarà la parte finale del percorso. I gufi bubolano intorno a noi, suona la sveglia e noi ripartiamo.

Usciamo di notte per evitare il caldo nella zona di Lleida, vediamo come il paesaggio comincia a cambiare, cominciamo a riconoscere strade che ci sono familiari, presto vedremo il Montserrat di fondo e sapremo che siamo sempre più vicini. Gli alberi si alzano in un bellissimo porto che sale fino al CP5 a Santa Coloma de Queralt.


 



GLI ULTIMI 115 KM


Siamo a 585 km, tocca mangiarci un altro gelato, metterci la crema solare e andare fino a Gelida. Conosciamo la strada fin qui, ci vengono a trovare degli amici della zona, ci incoraggiano, stiamo andando molto bene, ma il caldo comincia a diventare insopportabile. Arriviamo a Gelida, ci rifocilliamo e, anche se saremmo potuti andare a casa, abbiamo ancora bisogno di arrivare a Barcellona.


 



LA TRANCHE FINALE


Il tratto da Martorell a Barcellona è stato di gran lunga il più duro. La tranquillità delle strade precedenti è sostituita dal traffico e dai semafori. È l’ora di punta di mezzogiorno, ci sono quasi 40º e vento in faccia. Voglio solo tornare a Barcellona per tornare a Gelida e mangiare, fare la doccia con acqua fredda e dormire. Passo davanti a uno dei luoghi dove lavoro; "domani tocca lavorare" penso. Non resta nulla e tanto meno per arrivare a Plaza España. Guardiamo le torri mentre aspettiamo al semaforo per attraversare.


 
Testo: Sonia Colomo L'organizzazione è lì, i nostri amici pure. Applausi, fischi, molti abbracci. Siamo arrivati a Barcellona dopo 44 ore totali e 31 ore sulla mia MegamoRaise.